Sono stato licenziato dal mio datore di lavoro. Cosa posso fare?

Se il licenziamento è determinato da motivi oggettivi quali, ad esempio, la riduzione di personale, la mancanza di lavoro, la cessata attività o la chiusura di un reparto, il datore di lavoro è tenuto a comunicarlo al proprio dipendente per iscritto osservando i termini contrattuali di preavviso.

Con questa lettera potrai presentarti presso il CPI territorialmente competente, a partire dal giorno successivo al licenziamento e comunque entro 60 giorni, per richiedere l’iscrizione in lista di mobilità.

Se credi non sussistano validi motivi che giustifichino il licenziamento, potrai impugnarlo dinanzi al Giudice del Lavoro!

16671734_sApprofondisci questo argomento nel settore psicologia

Il mio dipendente ha subito un infortunio mentre era sul posto di lavoro. Cosa devo fare?

Dopo aver adempiuto al dovere civico del primo soccorso, dovrai denunciare l’incidente all’Inail e presentare la denuncia all’autorità di Pubblica Sicurezza entro termini ben precisi.

Al contempo, cerca di verificare se vi sia stato un tuo comportamento, o del dipendente infortunato, che abbia potuto contribuire al verificarsi dell’evento dannoso.

Vuoi saperne di più? Vuoi essere affiancato da uno dei nostri professionisti? Contattaci